kairos-logo-grande-768x461Il progetto Kairòs è un Service di opinione e di sensibilizzazione per l'inserimento del contesto sociale di ragazzi disabili o diversamente abili, attraverso attività comuni svolte dai ragazzi normodotati. 

E’ proprio questa la peculiarità del progetto “Kairòs”: voler sviluppare una sorta di integrazione al contrario, attraverso la creazione di situazioni in cui i normodotati provino ad agire come i “diversi” e in cui non si cerchi di rendere il diverso uguale a noi ma, piuttosto, si provi a scoprire le meraviglie della sua diversità.

Voi sapreste descrivere l’alternarsi delle stagioni attraverso i suoni?
Sapreste cogliere la musicalità e le sonorità della realtà?
Sapreste andare a vedere un film comico e ridere pur non riuscendo a vederlo?

Siamo, infatti, profondamente convinti che le persone normodotate abbiano davvero bisogno di una maggiore consapevolezza delle molteplici sfumature della società e che, grazie alla conoscenza delle difficoltà che i compagni disabili devono superare nella vita di tutti i giorni, possano condividere sempre più ambiti comuni e possano interiorizzare le esigenze dell’altro affinché la diversità possa davvero essere una fonte di ricchezza interiore per chiunque.

Le modalità di attuazione del progetto, sono suddivise in due rami principali:

  • Collaborazione con le scuole primarie e secondarie
  • Eventi extra scolastici di sensibilizzazione

Nell’ambito didattico, il Progetto “Kairós” si sviluppa fornendo un manuale operativo negli istituti secondari che possa essere di supporto agli insegnanti per la sensibilizzazione nei confronti della disabilità, mentre nelle scuole primarie, oltre ad esso, viene fornito ad ogni alunno il testo “Alla ricerca di Abilian”.

Attraverso i manuali viene proposta un’attività ludico-riflessiva che permette ai ragazzi di fare esperienza concreta della disabilità-diversità e di operare delle riflessioni sulle proprie emozioni a riguardo.

Giocare o disegnare al buio, scrivere con dei guantoni, mettersi in gioco per riuscire a comunicare con dei compagni di classe che non vedono o non sentono, giocare con un altro bambino che non può muovere le gambe o le braccia sono attività che ci permettono di vivere un’esperienza di diversità, che è normalità per alcune persone. In ambito extra didattico, il progetto Kairós si adatta con facilità anche ad un pubblico adulto, attraverso canali di comunicazione differenti, che attraverso le emozioni portino a riflettere sui modi in cui ci rapportiamo con le persone “diverse” da noi.

Per maggiori informazioni: www.leo-kairos.it


 


Alessia Chiaro
Leo Club Caluso Canavese Sud-Est
kairos@distrettoleo108ia1.it